torna indietro >

Storia tradizioni, arte in Abruzzo e Molise

I GRANDI INTERPRETI DELLA CUCINA ABRUZZESE. La storia, l'attualità.


di Antonio Di lello , Giuseppe Manzi
Editore: Nuova Gutemberg
Collana: Storia tradizioni, arte in Abruzzo e Molise
Anno: Ottobre 2016
Genere: Storia tradizioni, arte in Abruzzo e Molise
Pagine: 208
Caratteristiche: La storia dell'Istituto alberghiero di Villa Santa Maria e 80 ricette di grandi chef

ISBN: 978-88-99843-05-2
Sconto 10%
Prezzo € 25,00 € 22,50

Il libro di Antonio Di Lello e Giuseppe Manzi che presentiamo all’attenzione del Lettore e` un’opera che mancava nel variegato mondo della Cucina per le caratteristiche e le qualita` che si potranno facilmente rilevare nella lettura dell’opera stessa.

La prima cosa da rilevare e` che la matrice comune in tutto il libro puo` essere ricondotta ad un solo nome: Villa Santa Maria, meglio conosciuta nel mondo come Patria dei Cuochi; un nome che compare come una grande garanzia per la Cucina, intesa come Mestiere, Lavoro, Arte e Cultura.

Il Libro si apre con un approfondito sguardo alle origini dell’Arte Culinaria nella Valle del Sangro, partendo dalla famiglia Caracciolo, la cui dimora puo` essere considerata come luogo di nascita della prima scuola alberghiera, con brevi cenni sulla vita del rampollo di questa famiglia, il giovane Ascanio Caracciolo che, divenuto Santo, sara` proclamato Patrono dei Cuochi d’Italia.

Passa poi a ricordare i grandi cuochi e straordinari “Munzu`”, che da questi posti hanno portato la loro Arte in tutto il mondo e che con la propria Arte hanno servito la Storia e conquistato il mondo recandosi all’estero e facendo parlare di se ovunque nel mondo stesso. Viene inoltre messo in risalto e in evidenza il fatto che questi grandi operatori della Cucina hanno avuto anche le capacita` di divenire imprenditori e manager come autori della nascita di importanti localita` turistiche, quali per esempio la rinomata Roccaraso, o come uomini di punta nel campo della ricerca alimentare nazionale e americana. Non viene pero` taciuta l’altra grande caratteristica di questi Cuochi come coloro che hanno fatto della Cucina non solo un lavoro, ma anche e soprattutto un’Arte, guadagnandosi in alcuni casi epitaffi come “Cuoco scultore”, per aver creato vere e proprie sculture alimentari, di impareggiabile bellezza, degne della mano di grandi scultori, o come “Cuoco del cinema” per essere stati artefici di pranzi e buffet presenti in grandi opere cinematografiche. In un’opera del genere non poteva dunque mancare la presentazione della manifestazione culinaria forse piu` importante d’Italia che, con sede proprio a Villa Santa Maria, riunisce ogni anno, nel mese di ottobre, un folta schiera di grandi cuochi italiani.

Questi artefici della Cucina, in questa Rassegna culinaria

da una parte rendono onore al loro Patrono San Francesco Caracciolo, portando in processione il suo simulacro e offrendo al Santo l’olio che servira` per tenere accesa una lampada votiva davanti al simulacro stesso, con una cerimonia molto toccante nel vedere questa immensa folla di “berrette bianche” attorno alla Sacra Immagine, simbolo della loro profonda fede per il loro Santo;

dall’altra si rendono artefici di finissimi e succulenti preparazioni culinarie e di affollati e unici buffet, che fanno la gioia dei palati della impressionante folla di Visitatori, che in quei giorni, richiamati dalla manifestazione, si ritrovano numerosissimi a Villa Santa Maria.

 

E in tutto questo gli Autori non potevano fare a meno di presentare il prestigioso Istituto Alberghiero di Stato di Villa Santa Maria, meglio noto come Scuola Alberghiera di Villa Santa Maria, famosa in Italia e nel Mondo, raccontandone la meravigliosa storia dalla nascita fino ai giorni nostri e ricordando i suoi impareggiabili insegnanti di ieri e di oggi. Tutto questo patrimonio artistico, culturale e storico il Comune di Villa Santa Maria e la Parrocchia hanno fatto si` che non venisse mai dimenticato, istituendo nel paese rispettivamente un Museo dei Cuochi e un Museo di San Francesco Caracciolo, unici in Italia, frequentati ogni anno da numerosi visitatori, il primo dei quali illustrato nel Libro con maestria e professionalità.

 

Ma il capitolo più importante per ciò` che l’Opera può rappresentare per il futuro, a dimostrazione che questa Arte non appartiene

solo al passato, ma e` fortemente proiettata al futuro, e` quello dedicato ai Grandi interpreti di oggi.

Raccoglie curriculum e ricette di 20 prestigiosi giovani interpreti dell’Arte culinaria, che hanno raggiunto livelli altissimi ed eccezionali nel mondo della Cucina, ma che conservano quell’elemento comune che, come abbiamo detto fin dall’inizio, pervade tutta l’opera: sono nati a Villa Santa Maria o hanno studiato nella Scuola Alberghiero di Villa Santa Maria, dimostrando che la fama di questo piccolo illustre paese della Valle del Sangro nel mondo della Cucina non e` usurpata o illusoria, ma guadagnata e vera.

Siamo sicuri che questa pregevole opera diventera` una pietra miliare nella Cucina Italiana e come tale riteniamo che non possa assolutamente mancare nel patrimonio librario culinario di tutti gli amanti e gli studiosi della Cucina.

Giuseppe Finamore

Sindaco di Villa Santa Maria

gia` Chef della Camera dei Deputati